Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2008

Un momento un po’ così.

Le energie recuperate durante le vacanze sono già esaurite.

Sono in riserva.

Non c’è tempo!

Non c’è più tempo per parlare, non c’è tempo per leggere, non c’è tempo per chiudere gli occhi davvero.

Sono scelte. Non c’è dubbio. Sono scelte mie, ma i dubbi riescono sempre a conquistare il mio territorio nonostante i miei strenui tentativi di difendermi.

Non pensarci, mi dico. Hai ragione tu!

 

Read Full Post »

Comunicato stampa de “Associazione per i popoli minacciati

L’Aia, 10.9.2008

Rigettati tutti i punti d’accusa al primo processo civile dei sopravvissuti di Srebrenica contro l’Olanda

Bolzano, Göttingen, L’Aia, 10 settembre 2008

Nel verdetto emesso oggi dal Tribunale provinciale dell’Aia nella causa civile che vede contrapposti i sopravvissuti di Srebrenica all’Olanda, sono stati rigettati tutti i punti d’accusa avanzati dalla famiglia di
Rizo Mustafic, ucciso a Srebrenica, e di Hasan Nuhanovic, che a Srebrenica ha perso i genitori e un fratello. Il tribunale doveva chiarire le responsabilità del governo olandese e del comando del battaglione olandese dell’UNPROFOR che nel luglio 1995 aveva consegnato agli aguzzini serbi i Bosniaci che avevano cercato protezione presso le truppe dell’ONU.

Continua quindi l’incubo delle famiglie Mustafic e Nuhanovic, così come delle altre famiglie dei 239 uomini e ragazzi consegnati dalle truppe olandesi alle milizie serbe e in seguito uccise. Nonostante i soldati olandesi siano stati testimoni oculari degli stupri e delle uccisioni di donne e uomini bosniaci da parte delle milizie serbe, commessi a soli pochi metri dalla piccola base dell’UNPROFOR, essi hanno consegnato e
quindi mandato a morire le 239 persone che si erano rifugiate presso le truppe dell’ONU. Per quanto possa essere comprensibile la paura dei soldati olandesi e del loro comandante, era comunque loro dovere,
salvare almeno queste persone che si trovavano sotto loro diretta protezione. L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) chiede quindi che il governo olandese rispetti e attui la Convenzione dell’ONU sulla
prevenzione e la repressione del genocidio, si assuma la responsabilità del disastroso e tragico fallimento dei suoi soldati, chieda scusa e risarcisca i sopravvissuti.

Antecedenti: nella notte dal 12 al 13 luglio 1995 Hasan Nuhanovic, che lavorava come traduttore per l’ONU, si trovava insieme ai suoi genitori e suo fratello nella piccola base dell’UNPROFOR di Potocari, alle porte
di Srebrenica, sotto il comando dell’olandese Andre de Haan. Den Haan, che a sua volta si trovava nei locali della base, era stato spesso ospite a casa della famiglia Nuhanovic. Ciò nondimeno, tra le 5 e le 6
del mattino seguente de Haan ha informato Hasan Nuhanovic che i suoi familiari dovevano lasciare la base militare. Prima di esporre denuncia contro l’Olanda, Nuhanovic ha meticolosamente raccolto e documentato
tutti i fatti di Srebrenica e pubblicato un dossier di 500 pagine intitolato “Under the UN flag”.

Read Full Post »

Oggi è malauguratamente lunedì. Solita routine. Sveglia, ancora mezza addormentata faccio colazione mentre guardo il TG. Prima notizia: “OGGI L’URAGANO GUSTAV SI ABBATTERA’ SU NEW ORLEANS”. Occavolo, penso; sono ancora mezza addormentata, ma mi rendo conto che c’è qualcosa che no va.

Sembra che l’uragano Gustav si sia creato dal nulla al largo della costa americana, ma non è così. L’uragano ha già sconvolto i Caraibi lasciando alle sue spalle 80 morti. La mia prima domanda è come sempre “Perché”? Si parla da giorni dell’arrivo di questa catastrofe e giustamente si è deciso di evaquare New Orleans, ma perché non agire anche sui villaggi di Cuba e Haiti? (domanda retorica)

Che poi se ci pensi bene anche a New Orleans sono appena stati promossi. Gli ha detto bene che sto giro la puzza di morte è arrivata insieme alle elezioni e che i repubbliccani avevano bisogno di una bella candeggiata all’immagine. Thank you King Bush! Grazie per aver pensato a noi…questa volta!! Furbacchione…

Inogni caso, se ho capito bene il discorso si può brevemente riassumere così: nell’era del consumismo tutto si riduce ad un’operazione di marketing e il trucco è trovarsi sempre nel posto giusto al momento giusto. Bisogna lavorare perché non ci siano perdite. Se salvare quella vita porterà un guadagno rispetto alla spesa che ha comportato salvarla, ne vale la pena.

No… è troppo cinico non ce la faccio!

Fermate il mondo voglio scendere!!!

Read Full Post »